Un bel successo per la Sezione Giovani del Congresso Nazionale SIF

Condividi su      
M. Ivaldi   04-11-2019    Leggi in PDF

Nella giornata di giovedì 26 settembre il 105° Congresso Nazionale della Società Italiana di Fisica ha ospitato la Sezione Giovani, alla quale hanno partecipato cinquanta studenti universitari di livello triennale e magistrale provenienti da tutta Italia. Realizzata in collaborazione con l'Associazione Italiana Studenti di Fisica (AISF), la Sezione Giovani ha l'obiettivo di mettere in contatto la comunità degli studenti di fisica italiani con le attività del Congresso SIF, offrendo un programma di alto profilo e allo stesso tempo stimolante e utile per la crescita accademica dei partecipanti.

La giornata si è aperta quindi con una masterclass per scoprire e approfondire il mondo della scrittura e dell'editoria scientifica. Christian Caron (Springer Nature) ha sviluppato il processo di revisione ed elaborazione delle pubblicazioni scientifiche svolto all'interno di una redazione, insieme ai principali business model adottati oggi dalle case editoriali e dai loro utenti. Collegandosi quindi ai business model diffusi nel mondo accademico, Stefano Bianco (INFN, Laboratori Nazionali di Frascati) ha presentato il progetto editoriale Plan S, sviluppato dal consorzio Coalition S con l'obiettivo di garantire una ricerca scientifica pienamente open access. Ai primi due interventi è seguita una sessione Q&A per permettere ai partecipanti di approfondire alcuni particolari temi trattati, nonché chiarire i propri dubbi in merito alla pubblicazione di un lavoro di ricerca. La masterclass si è conclusa con l'intervento di Alessandro Bettini (Università degli Studi di Padova) che ha presentato le tecniche fondamentali e gli errori da non commettere nella scrittura di un articolo. A seguire, una relazione su invito a cura di Marco Drago (Gran Sasso Science Institute) sugli ultimi sviluppi in merito alla fisica delle onde gravitazionali e sull'utilizzo di moderne tecniche di machine learning e analisi dati proprio nella fisica multi-messaggero. La giornata si è conclusa con una visita ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell'INFN, dove i partecipanti hanno potuto vedere alcuni dei più importanti esperimenti nel campo della cosmologia e della fisica astroparticellare.

I tredici diversi atenei di provenienza dei partecipanti alla Sezione Giovani hanno mostrato senza dubbio un grande e trasversale interesse verso quest'iniziativa, che ha saputo toccare ambiti di grande rilevanza per la carriera scientifica e argomenti in rapida ascesa nel mondo della ricerca, L’evento ha rappresentato quindi un concreto momento formativo per gli studenti, dando inoltre loro la possibilità di conoscere l’affascinante città de L’Aquila.

comments powered by Disqus