La Società Italiana di Storia della Scienza incontra il Museo Galileo di Firenze

Condividi su      
 E. Canadelli    28-05-2021     Leggi in PDF

Nel mese di marzo la Società Italiana di Storia della Scienza (SISS), che ho l'onore di presiedere, ha siglato un importante protocollo di intesa con il Museo Galileo di Firenze, uno dei principali musei storico-scientifici a livello nazionale e internazionale, che conserva le preziose collezioni medicee e lorenesi di strumenti scientifici e un ingente patrimonio librario e archivistico. L'articolata collaborazione tra le due istituzioni riguarderà attività scientifiche, didattiche e divulgative, allo scopo di diffondere sempre di più la conoscenza della storia delle scienze e delle tecniche in Italia, mantenendo al contempo un legame importante con la realtà internazionale.

Si tratta solo del primo di una serie di accordi che la SISS intende promuovere in futuro in un’ottica di sistema e sinergia con tutti coloro che nel nostro Paese si occupano a vario titolo di questi temi: musei, associazioni, università, scuole di ogni ordine e grado, biblioteche, archivi, enti culturali pubblici e privati, singole studiose e studiosi.

Per sua stessa natura interdisciplinare, la storia della scienza rappresenta un ponte ideale tra la cultura umanistica e quella scientifica, in grado di innescare dialoghi e conversazioni tra diversi rami del sapere. In questo senso, credo che la storia della scienza abbia un ruolo importante da giocare nei prossimi anni per quanto riguarda la ricerca e la formazione, ma anche la promozione pubblica di temi legati alla dimensione storica della scienza e del suo funzionamento – temi di cui si avverte sempre più l'esigenza e l'importanza nel dibattito pubblico. Si pensi per esempio alla valorizzazione dell'ingente patrimonio librario, archivistico, museale e paesaggistico direttamente o indirettamente riconducibile alla storia delle scienze e delle tecniche di cui l'Italia è ricca, ma ancora troppo poco conosciuto.

La collaborazione con il Museo Galileo consentirà di rafforzare l'azione della SISS in tutte queste direzioni, mostrando le grandi potenzialità scientifiche e pubbliche della storia della scienza – un passo importante, ricco di opportunità.


Elena Canadelli – Insegna Storia della Scienza presso l'Università di Padova. Editor-in-chief di Nuncius. Journal of the Material and Visual History of Science e presidente della Società Italiana di Storia della Scienza, si occupa di museologia scientifica, scienza e visuale, storia delle scienze naturali tra Otto e Novecento.