Che spettacolo il MOOC di fisica di base!

Condividi su      
 M. Carpineti    02-05-2022     Leggi in PDF

Massive Open Online Courses, per tutti MOOC, è il nome con cui si identificano corsi di alto profilo culturale disponibili gratuitamente in rete. E dal 7 marzo scorso è on-line il MOOC di fisica di base prodotto dal CISIA (Consorzio Interuniversitario Sistemi Integrati per l'Accesso) con la collaborazione della piattaforma Federica Web Learning. Il progetto, coordinato da Roberto Piazza del Politecnico di Milano e con il supporto di esperti del mezzo televisivo, parte dall’idea di raccontare la fisica con linguaggi nuovi per motivare, sviluppare competenze e capacità di orientarsi e autovalutarsi.

Ed è proprio il linguaggio la vera innovazione del progetto. Le lezioni video, infatti, sono tenute da tre docenti della Statale di Milano, Marco Giliberti, Nicola Ludwig e la sottoscritta, fondatori del progetto "Lo spettacolo della fisica" che dal 2004 porta in scena la fisica attraverso il teatro, con oltre 150.000 spettatori in 420 repliche in Italia e all'estero. La modalità teatrale, le lezioni a tre voci che mettono in luce il gusto di confrontarsi dei fisici e che conducono ad approfondimenti insoliti, gli esperimenti realizzati dal vivo con oggetti semplici e la scoperta di nuovi fenomeni sempre guidata dalla curiosità, sono solo alcuni degli ingredienti mutuati dallo spettacolo per proporre lezioni coinvolgenti, che stimolino il ragionamento senza indulgere alla divulgazione. Non si vuole infatti edulcorare la fisica, presentandone una versione semplificata che sottovaluti la fatica del conoscere, ma mostrare le sue sfaccettature e le sue implicazioni, con leggerezza ma anche con rigore.

Ognuna delle 20 lezioni teatrali, che spaziano dalla definizione delle grandezze fisiche fino alla fisica moderna, è preceduta da una "sbirciatina", una breva anticipazione delle domande principali trattate nell'unità didattica, ed è seguita da un "fissa idee", un approfondimento scientifico che riordina e riassume quanto illustrato nei video.

Un ulteriore tratto distintivo del MOOC di fisica sono i test di verifica, parte integrante del percorso, che vanno superati per poter procedere. Ci si mette alla prova con domande che richiedono di impostare un ragionamento originale e non di applicare semplicemente una formula. La modalità è quella del "mentor", dove l’errore fornisce l’opportunità di ricevere una spiegazione supplementare per ritornare al via arricchiti di nuove conoscenze.

Per dirla con le parole di Giuseppe Forte, direttore del CISIA, "Ci sono materie a torto considerate ‘pesanti’, e la scommessa di questo MOOC è stata trasformare la presunta pesantezza della fisica in leggerezza, non presentando una versione superficiale della fisica, ma piuttosto quella di una fisica amica". Un'impresa resa possibile solo grazie al lavoro di una squadra di fisici con diverse formazioni ed esperienze che, oltre ai membri già citati, comprende anche Laura Perini della Statale di Milano e Peppino Sapia dell’Università della Calabria, con la collaborazione e la professionalità della squadra di Federica Web Learning, coordinata da Ilaria Merciai.

Insomma, se siete studenti che vogliono capire se la fisica fa per voi prima di accedere all'università, o semplicemente persone con la passione per la fisica che desiderano saperne di più, questo MOOC è per voi e non vi resta che registrarvi sul sito del CISIA e, dall'area riservata, andare nella sezione "Approfondisci / Accesso ai MOOC" per cominciare un viaggio avventuroso e ricco di sorprese.


Marina Carpineti – Tecnico di ricerca e professore a contratto presso il Dipartimento di Fisica della Statale di Milano, fa ricerca in didattica della fisica e sui sistemi complessi. È responsabile scientifico di un progetto internazionale 4EU+ per l'innovazione in didattica della fisica. È partner di progetti spaziali finanziati dall'ESA. È membro della Commissione Didattica Permanente della SIF.