Il Nuovo Cimento 150, 100, 50 anni fa

Condividi su      
 A. Bettini    30-06-2023     Leggi in PDF

100 anni fa

Enrico Persico, amico fraterno di Fermi sino dal tempo del liceo, studiò fisica a Roma dove si laureò con Corbino nel 1921. Fu secondo al primo concorso di Fisica teorica in Italia, vinto da Fermi, nel 1926. Questo è un suo lavoro giovanile.

Da "Effetto von Ettingshausen «apparente»" di E. Persico, Il Nuovo Cimento Serie VI, 26 (1923) 123.

Se una lamina rettangolare di bismuto, immersa in un campo magnetico ad essa normale, viene percorsa, nel senso della lunghezza, da una corrente elettrica, si genera in essa, come è noto, un gradiente di temperatura nel senso trasversale, attribuito all'azione elettrodinamica del campo magnetico sui corpuscoli convettori dell'elettricità. Tale azione – che costituisce il fenomeno di von Ettingshausen – non è però la sola a produrre il detto gradiente di temperatura: ve ne è un'altra, di natura diversa, che ad essa si sovrappone, e che non se ne può discernere né invertendo il campo, né invertendo la corrente: ci si può persuadere tuttavia della sua esistenza col seguente ragionamento. Supposto che il campo magnetico, nel quale si immerge la lamina, sia uniforme, esso cessa di esserlo non appena nella lamina si lancia la corrente, inquantochè questa genera intorno a sé un campo magnetico che si sovrappone a quello prodotto dall'elettrocalamita, e precisamente, su uno dei bordi della lamina cospira con esso, aumentandone l'intensità, sull’altro invece ha direzione contraria, e quindi lo diminuisce. I due bordi della lamina verranno perciò a trovarsi in regioni di intensità differente e quindi, per una nota proprietà del bismuto, presenteranno alla corrente una diversa resistività: da ciò un diverso effetto Joule, e quindi una differenza di temperatura.


L'archivio storico de Il Nuovo Cimento è disponibile per i Soci SIF attraverso l'Area Soci.


Alessandro Bettini – Professore emerito presso l'Università di Padova, fisico sperimentale di particelle elementari, ha condotto e diretto esperimenti al CERN e LNGS. È autore di più di 200 pubblicazioni scientifiche e di volumi di fisica generale e particelle elementari e per il pubblico. È socio dell'Accademia Galileiana di Scienze Lettere e Arti, della SIF, di cui è stato vicepresidente, e fellow dell'EPS.