Enrico Fermi: un genio universale tra teorie ed esperimenti

L. Cifarelli   22-12-2014    Leggi in PDF

Il 28 novembre 2014 ricorreva il 60° anniversario della morte di Enrico Fermi. Di solito non amo celebrare le morti, tuttavia la figura scientifica di Enrico Fermi è talmente importante nel mondo e soprattutto per la comunità dei fisici italiani, per le nostre maggiori istituzioni accademiche e di ricerca e per la Società Italiana di Fisica, che anche questa triste ricorrenza è stata in fondo un'occasione in più per ricordare il grande Fermi e la sua straordinaria vita scientifica.

Fermi fu infatti una mente creativa eccezionale, in equilibrio tra teorie ed esperimenti. Un esempio di genio universale piuttosto raro nel suo genere, come ho potuto accennare in una mia recente intervista apparsa su Le Scienze.

La SIF lo ha ricordato in moltissime occasioni, con speciali pubblicazioni e celebrazioni nel corso degli anni. È a lui che ha intitolato il suo premio più prestigioso, istituito nel 2001, in occasione del centenario della nascita di Fermi. Lo ha ancora fatto l'anno scorso, nel festeggiare il 60° anniversario della Scuola di Varenna, anche questa a lui intitolata dal 1954. E lo farà nuovamente con una mostra a lui dedicata, che verrà allestita in collaborazione con il Centro Fermi e che ripercorrerà le maggiori e prodigiose tappe scientifiche di Fermi con una nuova chiave di lettura per il grande pubblico, compresi i giovanissimi.

Perché, paradossalmente, Fermi è più noto all'estero che in Italia. E nessuno veramente sa che è stato uno dei giganti della fisica del XX secolo. A noi il compito di rimediare.

Luisa Cifarelli
Presidente SIF


Enrico Fermi: a universal genius between theories and experiments

November 28th, 2014 was the 60th anniversary of the death of Enrico Fermi. Usually I do not like to celebrate deaths, but the scientific figure of Enrico Fermi is so important worldwide and especially for the community of Italian physicists, for our major academic and research institutions and for the Italian Physical Society, that this sad anniversary was after all another chance to remember the great Fermi and his extraordinary scientific life.

Fermi was indeed an exceptional creative mind, in balance between theories and experiments. An example of a universal genius rather rare in its kind, as I had the opportunity to mention in a recent interview published in Le Scienze.

The SIF has remembered him on many occasions, with special publications and celebrations over the years. It is after him that the Society has named its most prestigious award, established in 2001, on Fermi's 100th birth anniversary. It has still celebrated him last year, on the occasion of the 60th anniversary of the Varenna School, also named after him since 1954. And it will do it again with an exhibition dedicated to him, that will be set up in collaboration with the Centro Fermi and that will trace the major and prodigious scientific milestones of Fermi, providing a new key to the general public, including the very young.

Because, strangely enough, Fermi is better known abroad than in Italy. And nobody really knows that he has been one of the giants of twentieth-century physics. It's up to us to do something about this.

Luisa Cifarelli
SIF President


comments powered by Disqus