Il rapporto OCSE 2015 sull'istruzione

Condividi su      
A. Bettini   23-03-2015    Leggi in PDF

Il 7 marzo l’OCSE ha pubblicato il volumeEducation Policy Outlook 2015. Making Reforms Happen” che si può consultare sul sito dell'OCSE.

La prefazione inizia con lo stabilire quanto segue: “Governments increasingly look at how to achieve ambitious reforms in education to improve results. But such changes are not easy to make: education change takes time, options for improvement may not be evident, roups with vested interests may hamper reforms, and politicians may have conflicting priorities or lack evidence on what can work best wthin the context”. La pubblicazione vuole fornire ai “policy makers” elementi per implementare i processi riformatori, anche attraverso l'analisi delle esperienze dei vari Paesi.

La pubblicazione, dopo il capitolo introduttivo, è divisa in tre parti: "Trends", "A special focus on reforms", "Country snapshots".

I molti indicatori statistici considerati, nei loro ultimi valori e nella loro evoluzione pluriennale, non sono nuovi, ma posti nella prospettiva della loro rilevanza per la valutazione di diversi aspetti dei processi riformatori e del loro confronto. Gli indicatori sono parecchi, e per ciascun Paese risultano in parte positivi in parte negativi. È quindi necessario considerarli nel loro complesso.

Il rapporto OCSE 2015 sull'istruzione

Alcuni indicatori per l'Italia (segmenti neri tratteggiati), a confronto con valori minimi, massimi e medi (segmenti blu punteggiati) del campione.

Nelle pagine dedicate all'istantanea (snapshot) dell'Italia, nella terza parte, si analizzano i risultati delle riforme iniziate nel 2010, delle quali si comincia a vedere qualche effetto, in genere positivo. Viene anche presentato (come per gli altri Paesi) un diagramma che mostra i valori di alcuni indicatori confrontati con il minimo, il medio e il massimo del campione. Si osserva che la spesa nelle istituzioni educative in rapporto al PIL (GDP) è bassa, vicina al minimo del campione. È un fatto già noto, ma non per questo meno negativo.

Homepage image credits: OECD (2015), Education Policy Outlook 2015: Making Reforms Happen, OECD Publishing. http://dx.doi.org/10.1787/9789264225442-en

comments powered by Disqus