La SIF e gli studenti più meritevoli

Condividi su      
L. Cifarelli   22-04-2015    Leggi in PDF

Viviamo tempi in cui si sente sempre e dovunque parlare di "svecchiamento": nell'Università e nella Scuola (con riferimento ai docenti, ovviamente), negli Enti di Ricerca, ecc. Se ne parla in vari modi, un po' a torto, un po' a ragione. Tuttavia considerando l'età media dei Soci della SIF – che da diversi anni ha cominciato a diminuire, ma non abbastanza – nasce spontaneo l'interrogativo: cosa fare affinché anche la SIF acquisti nuova linfa? 

Da diverso tempo esiste l'iniziativa dei Soci Invitati (SI), grazie alla quale i neolaureati in Fisica del Corso di Laurea triennale vengono pre-associati alla SIF, a titolo gratuito per 2 anni (che dovrebbero corrispondere alla durata del Corso di Laurea Magistrale). I nostri laureati triennali sono circa 1000 all'anno. Solo una piccola percentuale, apprezzabile ma inferiore al 10%, dei giovani Soci Invitati rimane fedele alla SIF, andando a riempire i ranghi dei Soci Junior (SJ) con il pagamento di una piccola quota associativa dopo i 2 anni di gratuità.

Da quest'anno la campagna SIF dei Soci Invitati gode inoltre del graditissimo supporto di Con.Scienze. E il 101° Congresso della SIF ospita una sezione parallela riservata per la prima volta agli studenti di Fisica.

Come allargare però il bacino dei giovani Soci, anzi dei giovanissimi? Ispirandosi a quanto fatto con indubbio successo dalla Società di Fisica tedesca (DPG), la SIF ha iniziato dal 2015 una campagna di reclutamento presso gli Istituti Scolastici di secondo grado, che nel nostro Paese sono complessivamente più di 10 000.

L'idea è quella di chiedere a ognuno di questi Istituti di segnalare alla SIF ogni anno i suoi 2 studenti più meritevoli tra quelli dell'ultimo anno che hanno appena superato il diploma. Questi diventeranno Soci Invitati Junior (SIJ), saranno cioè pre-associati alla SIF a titolo gratuito per 1 anno. Poi, se si iscriveranno a Fisica, potranno entrare successivamente nel circuito dei Soci Invitati (SI) e poi dei Soci Junior (SJ). A regime, se il sistema funzionasse a piena efficienza, dovrebbero esserci in linea di principio dell'ordine di 20 000 SIJ/anno. Insomma si tratterebbe di un tentativo su larga scala di fidelizzazione dei nostri giovani alla SIF e alla Fisica.

Per ora il primo passo è stato il reclutamento di un manipolo di Soci Invitati Junior tra gli Istituti Scolastici che partecipano al Progetto EEE – La Scienza nelle Scuole, realizzato dal Centro Fermi in collaborazione con l'INFN. C'è tuttavia bisogno di allargare subito il tiro, con azioni da parte della CDP presso il MIUR e anche con azioni volontarie da parte di tutti i Soci della SIF (e non solo) al fine di stabilire i necessari contatti con un numero via via crescente di Istituti Scolastici. E poi si vedrà: se son rose fioriranno!

comments powered by Disqus