Ioni pesanti a LHC: teorici e sperimentali a confronto

Condividi su      
R. Nania   25-06-2015    Leggi in PDF
Courtesy of INFN

Tutti sappiamo che il luogo privilegiato per le discussioni tra fisici teorici e sperimentali sono le conferenze, ma le relazioni sono tante e spesso accade che resti poco spazio per la discussione, rimandata poi al di fuori delle sessioni. Le comunità di teorici e sperimentali italiani interessate alla fisica degli ioni pesanti all'acceleratore LHC del CERN hanno pensato di ribaltare gli schemi, organizzando un incontro nel quale si è data, durante le sessioni, grande priorità al confronto e alla discussione pubblica sui numerosi argomenti trattati.

Dal 26 al 27 maggio, 61 ricercatori da tutt'Italia si sono quindi riuniti presso l'Accademia delle Scienze dell'Istituto di Bologna, per partecipare a un incontro organizzato in tre sessioni (fisica soft, hard ed esotica), ciascuna coordinata da un fisico teorico e da uno sperimentale. Il programma prevedeva brevi contributi (15-20 minuti), con altrettanto tempo per la discussione. Ogni relazione doveva proporre spunti e domande per l'interpretazione dei risultati, possibili nuove misure, idee per ricerche fuori dagli schemi più consolidati. Il tutto cercando sempre di connettere gli studi teorici alle possibilità tecniche degli esperimenti. A conclusione di ciascuna sessione era anche prevista una discussione finale sull'insieme dei diversi soggetti trattati.

Tantissimi sono stati gli argomenti affrontati nelle tre sessioni: nuovi modelli idrodinamici per il confronto con i dati sperimentali, nuovi approcci per la misura dei flussi di particelle, effetti collettivi in sistemi più elementari (pp e p-Pb), studi in funzione della molteplicità di particelle prodotte, correlazioni con quark pesanti e jet, soppressione degli stati eccitati del quarkonio, produzione di tetraquark o di "dark photons" e molto altro ancora.

Riassumendo, un'agenda densa di argomenti, una vivace partecipazione e discussioni interessanti e coinvolgenti, che hanno dato la certezza che l'incontro abbia avvicinato le due comunità, fornendo nuovi spunti e rendendole più consapevoli dei margini, sperimentali e teorici, nell'interpretazione dei dati. La speranza è che in futuro possa ancora più rafforzarsi la sinergia tra i fisici italiani che studiano le collisioni tra ioni pesanti, uno strumento unico per la comprensione di quanto è avvenuto poco dopo il Big Bang nel momento della formazione degli adroni e della materia.

comments powered by Disqus