Beamline for Schools 2016

Condividi su      
B. Guerzoni   29-01-2016    Leggi in PDF

Per il terzo anno consecutivo il CERN, il più grande laboratorio al mondo di fisica delle particelle, offre la possibilità a gruppi di studenti delle scuole medie superiori di tutto il mondo di svolgere un esperimento scientifico su una linea di fascio di un vero acceleratore di particelle. Il progetto "Beamline for Schools (BL4S) " è stato lanciato dal CERN, sempre in prima linea nell'organizzazione di attività che promuovono lo sviluppo della cultura scientifica tanto tra gli adulti quanto tra studenti di ogni ordine e grado, in coincidenza con il suo sessantesimo anniversario nel 2014.

Il progetto è rivolto agli studenti delle scuole medie secondarie che abbiano già compiuto i 16 anni di età. Sotto la supervisione di un insegnante, i ragazzi devono ideare un esperimento scientifico semplice e creativo che vorrebbero realizzare al CERN, preparando un breve progetto in cui se ne descrivono la finalità e le modalità di realizzazione, e un video di presentazione della durata di un minuto. Le proposte saranno vagliate da un gruppo di scienziati del CERN che ne valuteranno la fattibilità, insieme alle motivazioni e alla creatività degli studenti. Il o i team vincitori avranno quindi la possibilità unica di recarsi al CERN per una settimana e di realizzare il loro esperimento sfruttando la linea di fascio messa a disposizione per l'occasione. Gli studenti potranno così vivere la vita dello scienziato per qualche giorno, sviluppando un vero esperimento anche grazie al supporto dei fisici del grande laboratorio, che offriranno tutto l'aiuto necessario.

Per avere ulteriori informazioni e utili spunti sulle proposte di esperimenti da realizzare, si può anche consultare questa pagina web, in cui sono riportati i progetti dei vincitori delle scorse edizioni: due scuole provenienti da Grecia e Olanda nel 2014 e da Italia e Sud Africa nel 2015. La scadenza per la registrazione e la sottomissione dei progetti è il 31 marzo 2016.

comments powered by Disqus