A Grosseto Extreme Energy Events apre alle Masterclasses

Condividi su      
I. Gnesi   29-04-2016    Leggi in PDF

A Grosseto Extreme Energy Events apre alle Masterclass

Un esperimento per lo studio della radiazione cosmica di altissima energia, distribuito su una superficie di più di mezzo milione di chilometri quadrati. Gruppi di telescopi ad altissima risoluzione temporale costruiti al CERN e dislocati tra Trapani e Ginevra. Prese dati coordinate tra quasi 40 telescopi e più di 20 miliardi di particelle rivelate. Tutto ciò potrebbe sembrare impegnativo anche a chi è avvezzo alle sfide della moderna ricerca in fisica.

Questi telescopi, però, sono costruiti da studenti delle superiori, installati nelle loro scuole e monitorati dai ragazzi stessi, proprio come in un esperimento di grandi dimensioni. Sono gli studenti a compilare il "diario" della presa dati, intervenendo in caso di guasto. Capita talvolta che giunga la loro chiamata in tarda sera: "Si era fermato il telescopio, l'abbiamo fatto ripartire noi." Si comprende allora che qualcosa è emerso, qualcosa che va al di là del parlare di Scienza ai ragazzi. Qualcosa che è patrimonio di ogni essere umano: la spinta a cercare di comprendere l'Universo.

Il Progetto Extreme Energy Events (EEE) è tutto questo. E ora ha deciso di rendere disponibili i dati a studenti e docenti che vi partecipano. Il primo passo è stato fatto durante le "Giornate di Studio del Progetto EEE" per le scuole del Centro Italia, che si sono tenute tra il 15 ed il 16 aprile. Un evento che ha coinvolto 20 istituti scolastici e 62 partecipanti tra studenti e docenti, oltre ai ricercatori e al direttivo del Centro Fermi che da più di 12 anni sostiene il progetto ideato dal Professor Antonino Zichichi. L'evento, tenutosi nella Sala Consiliare del Comune di Grosseto, ha ricevuto il saluto del Sindaco, Emilio Bonifazi, e del Dirigente Scolastico del Polo Manetti-Porciatti, Antonella Baffetti, ed è stato presieduto da Luisa Cifarelli e Rosario Nania, rispettivamente Presidente e Direttore Scientifico del Centro Fermi.

Le Giornate di Studio sono state l'occasione per inaugurare il secondo telescopio di Grosseto presso l'ITG Manetti. Durante l'evento si sono succedute le presentazioni dei lavori degli studenti delle scuole di Lazio, Marche e Toscana impegnati nella costruzione di apparati per il monitoraggio dei telescopi e nelle attività di formazione sulla fisica della radiazione cosmica.

La grande novità è rappresentata da quattro "Masterclasses" che hanno offerto a studenti e docenti altrettante lezioni mirate a specifiche tematiche di analisi: un’introduzione alle metodologie di accesso ai dati provenienti dai telescopi, l'interpretazione delle complesse simulazioni numeriche degli sciami cosmici, lo studio delle variazioni solari e infine l'analisi delle coincidenze tra telescopi generate da eventi di alta energia. Lezioni e supporti informatici sono ora a disposizione di tutte le scuole che aderiscono al Progetto EEE e che vorranno cimentarsi nelle difficoltà tipiche di un'analisi di dati scientifici, con il supporto di ricercatori tutor pronti a sottoporre loro problemi sempre più complessi.

I ragazzi sono già al lavoro con grande entusiasmo. Uno studente, di ritorno dal CERN al termine della costruzione delle camere del suo telescopio, ci ha ricordato che non vi è niente di più importante dell’ amare il proprio compito. Parlava della scienza.

comments powered by Disqus