Un sodalizio Roma-Chicago sulle orme di Enrico Fermi

R. Nania   29-09-2017    Leggi in PDF
Younk-Kee Kim (Direttore del Dipartimento di Fisica dell'Università di Chicago) e Luisa Cifarelli (Presidente del Centro Fermi) accanto alla "fontana dei pesci rossi" nel giardino della futura sede del Centro Fermi.

Il 29 agosto scorso Young-Kee Kim, Louis Block Distinguished Service Professor e Direttore del Dipartimento di Fisica dell'Università di Chicago, ha visitato il Centro Fermi a Roma per discutere e definire possibili futuri progetti in comune fra i due istituti che hanno recentemente siglato un accordo di collaborazione pluriennale.

In particolare è emerso un forte interesse allo scambio di documenti, informazioni e materiali legati alla vita e ai contributi scientifici di Enrico Fermi che, dopo il periodo di docenza e ricerca a Roma, si trasferì negli Stati Uniti, insegnando per molti anni presso l'Università di Chicago. È anche emersa la volontà di rafforzare i rapporti scientifici tramite incontri su progetti in comune ai due istituti (esperimenti di fisica di alta energia, ricerche legate ai beni culturali, studi di biomedicina ...), da organizzare in maniera alternata nelle due sedi di Roma e Chicago.

L'incontro è stato anche l'occasione per una visita alla storica palazzina di via Panisperna, dove Fermi insegnò e condusse le famose ricerche sulla radioattività indotta da neutroni e sul rallentamento dei neutroni, che gli valsero il premio Nobel nel 1938. I lavori di ristrutturazione dell'edificio sono ormai completati e sarà presto reso disponibile per le attività del Centro Fermi. Young-Kee Kim ha attraversato le stanze che ospiteranno i laboratori e il museo dedicato alla vita e ai contributi scientifici dell'illustre scienziato, si è soffermata nella nuova Aula Fermi e ha espresso la sua forte emozione per essere in un luogo che per la fisica è così ricco di storia.

Infine, a sugello dell’incontro, non poteva mancare la foto di rito vicino alla celebre "fontana dei pesci rossi", Sito Storico della European Physical Society.

comments powered by Disqus