NuPECC-Long Range Plan 2017: il futuro della Fisica Nucleare in Europa

S. Pirrone   22-12-2017    Leggi in PDF

Il 27 novembre a Bruxelles, nella suggestiva sede della University Foundation, è stato presentato il Long Range Plan (LRP) 2017 realizzato dal Nuclear Physics European Collaboration Committee (NuPECC), un importante documento che contiene gli indirizzi e le raccomandazioni per lo sviluppo della Fisica Nucleare europea nei prossimi anni.

La preparazione del LRP è iniziata nel 2015 e ha coinvolto l'intera comunità scientifica di riferimento. Ciò è stato realizzato creando specifici gruppi di lavoro sulle varie linee di ricerca:
– Hadron Physics
– Properties of Strongly Interacting Matter
– Nuclear Structure and Dynamics
– Nuclear Astrophysics
– Symmetries and Fundamental Interactions
– Applications and Societal Benefits.
L'insieme di queste tematiche dà contributi essenziali per la descrizione dei processi di formazione e la composizione dell'universo così com'è oggi, e per comprendere i processi evolutivi stellari.

Molti i momenti di discussione aperta, con la partecipazione anche dei più giovani, che hanno contribuito ad ampliare e approfondire i diversi temi durante la fase di preparazione del documento.

Tra le attività che il LRP indica come fondamentali troviamo: i) la realizzazione di FAIR e del programma scientifico associato; ii) la realizzazione e lo sviluppo delle infrastrutture ISOL (INFN-SPES, ISOLDE, SPIRAL2); iii) la realizzazione dell'upgrade dell'esperimento ALICE a LHC; iv) il completamento del rivelatore AGATA nella geometria finale; v) il sostegno allo sviluppo della Fisica Nucleare teorica.

Presenti a Bruxelles molti rappresentanti di agenzie e laboratori degli stati associati del NuPECC, oltre che i rappresentanti istituzionali del Comitato (ECT*, Trento - FAIR, Darmstandt - JINR, Dubna - SPIRAL2, GANIL, Caen). Per l'Italia, in rappresentanza dell'INFN erano presenti il Vicepresidente, Antonio Masiero, il Membro della Giunta Esecutiva INFN, Eugenio Nappi, i Direttori dei Laboratori Nazionali di Legnaro, Diego Bettoni, e dei Laboratori Nazionali del Sud dell'INFN, Giacomo Cuttone, e il Presidente della CNS3, Mauro Taiuti.

L'evento è stato caratterizzato dalla presentazione del Chair del NuPECC, Angela Bracco (Università di Milano e INFN), sui vari aspetti della Fisica Nucleare fondamentale del LRP 2017 e da quella di Sylvie Leray (Saclay, France) sugli aspetti applicativi. Nella sessione introduttiva ci sono stati gli interventi di Jean-Claude Worms (ESF CEO), Giorgio Rossi (ESFRI Chair), José Luis Martínez (ESFRI PSE Chair), Ales Fiala (EC Head of Unit Research Infrastructures), e di Rüdiger Voss (EPS President).

Molti gli interventi di apertura che hanno espresso grande apprezzamento per il lavoro svolto e soprattutto per il suo significato scientifico e politico, di aggregazione e di coesione verso l'obiettivo unico dello sviluppo della Fisica Nucleare, in tutti i suoi aspetti.

comments powered by Disqus