Dibattiti e spettacoli al Congresso della SIF

L. Cifarelli   26-09-2018    Leggi in PDF

Si è appena concluso a Cosenza il 104° Congresso della SIF presso l'Università della Calabria. Il Congresso si è svolto in un campus universitario unico nel suo genere, quello di Arcavacata di Rende, costruito negli anni settanta nell'area di Cosenza su un progetto innovativo per l'Italia e per il Mezzogiorno. Il campus ospita attualmente circa 28.000 studenti e presenta diverse realtà di eccellenza. L'inaugurazione del Congresso, alla presenza del Rettore Gino Mirocle Crisci e delle Autorità locali, si è svolta nell'imponente Aula Magna intitolata a Beniamino Andreatta, uno dei fondatori dell'Università.

I lavori del Congresso si sono articolati nelle aule dislocate nei vari "cubi" del campus, collegati da un lungo ponte pedonale a due piani, di cui uno coperto, che hanno consentito a tutti di spostarsi facilmente da un punto all'altro. Si è trattato di un Congresso davvero speciale per l'impegno e la determinazione che i fisici calabresi hanno dimostrato nel volere rendere il loro ateneo partecipe della presenza di centinaia di scienziati venuti da ogni angolo d'Italia e non solo.

Il programma del Congresso della SIF, come sempre ricco di belle relazioni e comunicazioni scientifiche, è stato caratterizzato quest'anno da un gran numero di tavole rotonde che hanno dato vita a dibattiti su numerosi temi di attualità, dalla didattica della fisica alla professione del fisico, dalla diplomazia scientifica alla fisica sul territorio:
"Scuole di Specializzazione in Fisica Medica: criticità"
"Seconda prova dell'Esame di Stato: Matematica e/o Fisica?" (tavola rotonda organizzata dalla Commissione Didattica Permanente della SIF);
"Ordine Professionale dei chimici e dei fisici" (dibattito svolto nell'ambito dell'Assemblea dei Soci della SIF);
"La SIF e i giovani" (tavola rotonda organizzata insieme all'Associazione Italiana Studenti di Fisica);
"Physics for development" (tavola rotonda organizzata insieme alla Société Française de Physique);
"La Calabria è la regione più pericolosa d'Italia? Valutazioni scientifiche e sistemi di difesa" (tavola rotonda organizzata insieme all'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia). In quest'ultima tavola rotonda, un'interessantissima illustrazione del rinnovamento tecnico e tecnologico operato da Carlo Tansi, capo della Protezione Civile della Calabria.

Il programma collaterale del Congresso, FisiCittà, dedicato a entrambe le città di Cosenza e Rende, prevedeva una serie di incontri ed eventi culminati con una nuova edizione della rappresentazione teatrale "Io dico l'Universo", svolta nel modernissimo teatro TAU (Teatro Auditorium Unical) dell'Università, gremito da centinaia di persone. Tutti in assoluto silenzio per seguire e ascoltare con attenzione ma anche con commozione la lettura delle magistrali pagine di Galileo Galilei, tra musiche di Vincentio e Michelangelo Galilei perfettamente eseguite con strumenti d'epoca.


Luisa Cifarelli
Presidente SIF

comments powered by Disqus