Notte Europea dei Ricercatori

T. Chiarusi, C. Patrignani   30-10-2018    Leggi in PDF

titolo articolo

Studenti dei licei bolognesi posano orgogliosi accanto uno dei rivelatori per raggi cosmici che hanno costruito nell’ambito del progetto EEE. Foto di Anselmo Margotti.

Sta diventando ormai una tradizione: anche quest'anno l'ultimo venerdì di settembre si è svolta la Notte Europea dei Ricercatori (ERN). Sono state più di 340 le città europee, 116 quelle italiane, che il 28 settembre 2018 hanno ospitato eventi e iniziative proposte da ricercatori nei più diversi settori della conoscenza.

La ERN, promossa e finanziata dalla Commissione Europea, non è solo un'occasione per diffondere la cultura scientifica e la consapevolezza dell'importanza della ricerca per il nostro futuro: è anche e soprattutto una festa della curiosità, che permette a cittadini e ricercatori di conoscersi in modo informale e divertente, di riscoprire la voglia di porsi delle domande sul mondo che ci circonda e il gusto di imparare qualcosa di nuovo. Una festa che vuole celebrare e alimentare l'entusiasmo e la passione per il mestiere della ricerca.

In una festa del genere non può ovviamente mancare la fisica, che è stata presente fin dalle prime edizioni con moltissime attività grazie ai numerosi contributi delle sezioni dell’istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e delle Università italiane. Lo spirito che accomuna i ricercatori è lo stesso ovunque, ma in ogni città la ERN ha sapori e colori diversi.

Nella "Notte" a Bologna, passeggiando fra gli 80 affollatissimi stand allestiti sotto i portici di via Zamboni, nel cuore della zona universitaria, avreste per esempio potuto "vedere" le particelle elementari: una camera a nebbia e le scie di condensazione dovute al passaggio di particelle cariche; la popolarissima "doccia di raggi cosmici" in cui dei LED vengono accesi quando i muoni attraversano scintillatori integrati in un vero box-doccia. C'erano anche sistemi moderni basati su fotomoltiplicatori al silicio (SiPM) e uno dei moduli del rivelatore EEE costruito da studenti delle scuole superiori in collaborazione con il Centro Studi e Ricerche "Enrico Fermi", il CERN e l'INFN.

Numerosi gli stand sulle applicazioni pratiche e le ricadute tecnologiche della ricerca, intelligenza artificiale e TAC in formato olografico, o che evidenziavano inaspettati legami fra paleontologia e fisica nel ciclo di accrescimento delle conchiglie o degli alberi fossili.

Volendo, avreste potuto giocare con i fenomeni elettromagnetici o con il nuovissimo gioco da tavolo "Mesopoli", ideato in collaborazione con studenti liceali, le cui regole si ispirano alla QCD e al modello a quark, o assistere a pièce teatrali sulla fisica scritte e rappresentate da studenti delle scuole superiori.

Il programma comprendeva inoltre degli apprezzati seminari divulgativi sulla fisica teorica e incontri "faccia a faccia" con i ricercatori.

Vogliamo ricordare che il successo della "Notte" è anche dovuto alle numerose attività, molto gradite dal pubblico e proposte nelle settimane precedenti, quali gli aperitivi scientifici a più voci su argomenti come il quantum computing o le contaminazioni fra scienza e arte di Science Invaders al MAMbo, il Museo d'Arte Moderna di Bologna.

Che altro dire? Partecipare alla Notte Europea dei Ricercatori è una bellissima esperienza, che i ricercatori coinvolti si sono detti desiderosi di ripetere. Vi aspettiamo ancora più numerosi il 27 settembre 2019!

comments powered by Disqus